martedì 2 giugno 2009

ci risiamo! :-(

Ciao!

Era il 2 giugno 2008 che la sottoscritta, dopo una sessantina di km percorsi in bici da Punta Sabbioni quindi Lido, Pellestrina, Chioggia e ritorno, recuperava infine la sua macchina a Ca' Savio e si illudeva di tornare a casa di lì a 20 minuti... Si... BLOCCO TOTALE! Tanto che dopo 3 ore ero arrivata a malapena a Ca' di Valle, così ripigliai la bici e andai a casa su 2 ruote senza faro rischiando l'autosuicidio!

E oggi, 2 giugno 2009, stessa storia! Cioè, io col cavolo che mi rifaccio fregare: sono andata in spiaggia a Cortellazzo e in bici, ma per chi ha fatto scelte diverse... BLOCCO TOTALE! E' almeno dalle 17 che a Jesolo e Cavallino sono tutti "belli" fermi in coda e altamente inquinanti!

Ora, va bene il ponte festivo, va bene che c'era il sole e la spiaggia era d'obbligo, va bene che tutti si muovono alla stessa ora come una specie di transumanza collettiva... però il problema reale è: CI DECIDIAMO A RIVEDERE LE ROTONDE DI JESOLO?

La più grave è quella di Piazza Brescia, dove confluiscono appunto anche quelli provenienti da Cavallino: fatta per accogliere il Centro Commerciale che tanto dà da penare ai negozianti di Via Bafile, è stata studiata con i piedi probabilmente perchè non scorre nemmeno il vento!
E poi la rotonda di Cortellazzo, dove confluisce tutta la pineta e tutti quelli che speravano di evitare la rotonda di Piazza Brescia... l'unica rotonda inutile perchè lì c'è traffico solo d'estate e in una sola direzione, mentre la rotonda lo agevola nella direzione opposta... bello...

Mi piacerebbe tanto sapere chi è il genio che ha progettato tali interventi urbanistici... forse abita ad Helsinky...

Bye,
Silvia

3 commenti:

mary47 ha detto...

Ciao Silvia, è da quando ero ragazzina che per andare a Cavallino e Jesolo bisognava fare ore e ore di coda, da allora nulla è cambiato, anzi, le macchine aumentano sempre di più! Credo però che il problena non sia tutto sulle rotonde, credo che lì ci sia bisogno di una nuova strada (ne parlano da secoli di portare agibile quella strada sterrata che corre lungo il Sile parallela a quella attuale e affiancata alla barena, ma chissa che interessi ci sono sotto!!) .
Certo che ogni sabato e ogni domenica molti si ammalano il fegato!
Queto un mio piccolo parere.
Ciao, a presto!

stella ha detto...

Un caro saluto

oceanomare ha detto...

E' vero Mary che le code ci sono sempre state: ricordo una sera memorabile dove il mio babbuz decise di fare strade in mezzo ai campi e arrivò un mega temporale e non sapevamo più dove eravamo finiti e mia mamma dava di isterismo! però, a parte questo piccolo quadretto familiare, io da Cavallino a Mestre la faccio da 30 anni e ora vivo a Eraclea da 6 e ti assicuro che BLOCCO TOTALE PER 10 ORE PER PASSARE IL PONTE DI CAVALLINO esiste solo dall'anno scorso con quella "benedetta" rotonda!
In ogni caso... continuano a costruire case e grattacieli ma la strada è sempre quella! La stradina che dici tu: a me dispiacerebbe che cambiasse perchè è l'unica rimasta per andarci in giro in bici in pseudo tranquillità! A parte il 2 giugno... ih ih ih!