sabato 7 marzo 2009

sfumature di grigio...

Ciao!

1) oggi dalla parrucchiera c'erano due "siorette" di circa 75 anni che parlavano. Ad un certo punto la più arzilla esclama: "oh beh, adesso non mi serve, lo metterò via per quando sarò vecchia!" :-) Proseguendo con i discorsi, l'altra le chiede "ma perchè ti alzi così presto al mattino invece di stare a letto a far niente?" e lei: "a letto? Che non dormo e mi viene su il nervoso?! No no, mi alzo presto e faccio tutte le mie robette normali, ma con calma!" :-) UN MITO! Voglio diventare così, sempre che ci arrivo a 75 anni...

3) quando andavo a scuola io, la cosa più figa era venire promossi a giugno (anche per il rotto della cuffia) per poi spararsi 3 mesi-dico 3!- di totale cazzeggio estivo! Voglio dire, uno studiava per 9 mesi praticamente tutti i giorni, comunque ti davano i compiti per l'estate (ricordo un anno in 2° media: 6 libri da leggere e tutti di guerra... avete presente Mario Rigoni Stern? ecco, una roba da suicidio collettivo...in 2° media sei mattoni così!). Quindi i 3 mesi di svaccamento e relax e ozio e quasi noia resteranno sempre il simbolo della mia infanzia e adolescenza. Infatti... col cazzo che quando lavori riesce a stare a casa tre mesi di seguito! Manco tre settimane, porco Giuda! Perchè dico tutto ciò? Perchè invece qui in zona spiagge si usa fare la stagione: cioè, uno mette giù la cartella e il giorno dopo è gia a farsi 10 ore in chiosco o in qualche negozio o ristorante. L'altro giorno ne parlavo con la mia tosa combattente e con un altro ragazzo della mia età, entrambi della zona. Entrambi sostenitori convinti dell'utilità di fare questa cavolo di stagione. Perchè? Per i soldi. Cioè, questi si fottono i pochi anni sani dell'esistenza spensierata che gli rimane per i fottutissimi soldi! E mica perchè siano di famiglia indigente o perchè vogliono comprarsi qualcosa di particolare e farcela da soli. No. Gli ho accennato al volontariato e pareva avessi bestemmiato! No, la stagione si fa per poter dire ho preso tanti soldi. O fare i conti tipici dell'italiano medio "lavoro 6 mesi e gli altri 6 mi prendo la disoccupazione"... che se poi ne lavori 5 sei fregato perchè la disoccupazione non te la danno... ma... ma... ma... MA VAFFANCULO!

2) lo so che il 2 verrebbe prima del 3. Ma al 2 mi ci metto io: con i miei 35 anni assurdi. Nè troppo vecchia nè troppo giovane. Che anelo e rimpiango allo stesso tempo. Che mi sento fuori posto e fuori luogo. Che ho costruito tanto e ne vado fiera anche se resterò sempre povera di vile denaro e a fine mese non ho messo via un euro perchè l'ho speso in benzina per andare a vedere le partite o i match o mi sono comprata un paio di guantoni nuovi. Che passo il sabato sera a leggere sul divano. Che ho un lavoro che mi piace e mi imprigiona al tempo stesso. Che sono diventata grande e me ne sono accorta un giorno che ancora non ero preparata e ancora mi dispiace eppure mi comporto meglio di tanti diventati grandi prima di me. Che penso a scappare ma finchè resto continuo a coltivare e costruire. Che penso che la vecchiaia debba essere serena e leggera come l'infanzia. Che penso che la pazzia dei creativi sia una sano dono di Dio e schiumo di rabbia quando viene tarpata da bigotti genitori o datori di lavoro o educatori.

Io sapevo, perchè sentivo e provavo, che avrei dovuto tirare i ganci piuttosto che i diretti. Ma il mio maestro continuava a negarmelo. Ma sapete cos'ho fatto nel mio ultimo incontro? Me ne sono sbattuta e li ho tirati lo stesso! E andavano tutti a segno! Però... però era tardi ormai... Per i geni pazzi e per tutti i giovani: tirate i vostri ganci, non fate scaricare le munizioni in canna.

Bye,
Silvia

1 commento:

mary47 ha detto...

1) Spero anche io di diventare una "sioretta" che a 75 anni mette via delle cose da usare quando sono "vecchia" (anche se a volte mi sento veeecchia già adesso!
3)La loro è una "cultura" "faccio la stagione" come fosse..... (boh..)te lo dice una che ha vissuto la sua infanzia da quelle parti, poi sono emigrata in terraferma e non me ne pento!
3) questa sei tu, e piaci proprio perchè sei così. Peccato che non arrivi anche un "moroso" a dirtelo!
Ciao e buona settimana!