sabato 19 settembre 2009

soldati

Ciao!

In un blog è difficile affrontare argomenti seri. Ancora più difficile è affrontarli con scrupolo e dovizia di particolari e riflessioni. Un blog sono pillole... a volte di saggezza, altre di ironia, ma anche di sciocchezza o pure impegnative. Pillole come piccoli semi che cadono un po' qua e un po' là... ma (come si legge in una parabola del Vangelo) qualcuno cade sulla strada e secca, altri in acqua e marciscono, ma qualcuno cade sul terreno buono e fiorisce...

Così io ora non voglio stare a fare la saputella, nè voglio fare la morale a nessuno. Però racconto un episodio che ho vissuto circa 5 anni fa e poi ognuno ne trarrà le proprie personali conclusioni...
Ero a casa di amici: erano presenti tre o quattro finanzieri e due militari con rispettive famiglie. A questi ragazzi dell'esercito, entrambi meridionali, era stato proposto di andare volontari in qualche posto, forse Afghanistan. Noi tutti eravamo impauriti e poco propensi ad accettare e capire, ma sopratttto uno di questi ragazzi così argomentava la sua intenzione di partire:

"Io vado, ho moglie e 2 figli e se resto qua a fare il semplice soldato non guadagno abbastanza. Invece lì faccio qualche mese e porto a casa i soldi di un anno o due. E poi non succede mai niente, son talmente pochi quelli che muiono di italiani!"

Chi va in guerra oggi sono tutti "volontari": giovani, per lo più meridionali, che non hanno voluto o potuto studiare, con famiglie che il semplice stipendio non riesce a mantenere, comandati da Ufficiali cresciuti a latte e Forze Armate.
Il problema non sono i morti in guerra: ci sono sempre stati e ci saranno perchè il genere umano non usa che l'1% della propria intelligenza. Quello che non va bene sono le storielle che ci raccontano: infatti la chiamano "missione di pace"!

I soldi fanno muovere le masse: il Vietnam, la guerra nel Golfo, l'attacco alle Torri Gemelle, l'invasione dell'Iraq... gli americani fanno tutto questo perchè gli hanno annacquato un barile di petrolio...
E noi italiani gli andiamo dietro per farci dare dallo stato i soldi per mangiare, quando lui stesso ce li toglie con tasse su tasse. Ci fa sentire dipendenti, ci soggioga e come premio ci fa il lavaggio del cervello facendoci credere eroi o grandi uomini nella morte. Sono morti, resteranno solo i vermi.

Ultima "pillola": gliela danno mai la medaglia ai Finanzieri pugliesi uccisi sulle strade di notte per delle stupide sigarette? O ai Poliziotti morti per una partita di calcio?

Bye,
Silvia

2 commenti:

Bitter Chocolate ha detto...

Mia cara Oceanomare, si...è triste, appesantiscono l'animo notizie come quelle che si sentono in questi gg..
I nostri soldati diventano i soldatini di piombo di quel gioco assurdo che vuole lo stato...è uno schifo...Bacio ciao

Anonimo ha detto...

Carissima Silvia, le tue non sono parole sante, ma santissime. Sai qual è la cosa più strana? Che quei poveretti morti assolutamente per caso, e quindi degni di pietà umana, vengano chiamati eroi. E allora gli oltre 600.000 morti della prima guerra mondiale sono stati tutti onorati come eroi? E quelli della seconda guerra mondiale?
Venendo a noi, quando ti rifai viva?
Piero